Maremma

Tutti mi dicon Maremma Maremma
ma a me mi pare una Maremma amara

L’uccello che ci va perde la penna
io c’ho perduto una persona cara

Chi va in Maremma e lascia la montagna
perde la dama e niente ci guadagna

Sempre mi piange il cor quando ci vai
perché ho paura che non torni mai

Sia maledetta Maremma Maremma
sia maledetta Maremma e chi l’ama

Tous me disent Maremme, Maremme,
mais elle me semble une Maremme amère

L’oiseau qui y va perd la plume
moi, j’y ai perdu une personne chère

Qui va à la Maremme et quitte la montagne
perd sa dame et rien ne gagne

Mon cœur pleure toujours quand tu pars
car j’ai peur que tu ne reviennes jamais

Soit maudite, Maremme, Maremme,
soient maudits la Maremme et celui qui l’aime

Audio e video

Il tuo sostegno ci permetterà di continuare ad offrire i nostri contenuti gratuitamente e senza pubblicità. Grazie!

Canto toscano raccolto da Caterina Bueno negli anni Sessanta.

Il testo racconta la disperazione di chi si trova a dover lasciare la propria terra, soprattutto le montagne, per andare a lavorare in Maremma, all’epoca una vasta zona di paludi insalubri. I lavori di bonifica, iniziati nel 1829, coinvolsero decine di migliaia di persone arrivate da tutta Italia, in condizioni estreme anche a causa dalla diffusione della malaria. Andare in Maremma poteva significare non tornare mai più.
Le parole, pubblicate per la prima volta nel 1860 ma sicuramente più antiche, sono cantate su un’aria popolare estremamente diffusa in tutto il centro-nord Italia fin dal sedicesimo secolo.

Armonizzazione di Agelo Pugolotti, ispirata alla versione dei Cardellini del Fontanino.

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Share on print