Duo Terracanto

Si racconta di uno strano uccello che abita tra le pietre di antichi villaggi, nelle pianure strappate alle paludi, nelle terre roventi di sole dove generazioni di uomini e donne hanno seminato la loro fatica e coltivato i loro sogni.

Il suo canto é fatto delle mille voci che abitano le stalle delle veglie contadine, le barricate nei giorni di lotta, le piazze e i sagrati in quelli di festa; risuonano nelle risaie dell’epopea mondina e nei boschi dei partigiani, percorrono i cammini delle transumanze, i sentieri degli esiliati e dei girovaghi, le vie impervie dei contrabbandieri.

Terracanto trasporta i loro canti, i loro lamenti e le loro speranze. Si nutre di radici, racconta il ciclo delle stagioni, il vento leggero, il crepitare delle foglie, il sussurro di fiumi, il brulicare di vita della terra, lo scorrere potente del tempo. Terracanto sono tutte le voci che hanno rifiutato di tacere.

Laïla Sage e Lorenzo Valera formano da diversi anni un duo che si dedica al contrabbando di suoni, parole e melodie. Propongono un viaggio attento e appassionato nei canti della tradizione orale italiana. Un percorso ricco di canti sociali e di lotta, delle armonie intense e particolari dei rituali contadini, sacri e profani, delle strofette di contestazione raccolte attorno a campi e risaie…

Un itinerario inatteso alla ricerca di voci raramente che di rado hanno trovato ascolto, e che tanto hanno da raccontare.